DIVENTA MEDICO DI TE STESSO NUOVA EDIZIONE
Ed. Supermercato del Libro - Treviso

(Pagina principale)
GIUSEPPE NACCI nasce a Trieste nel 1964. Laureatosi in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Trieste con la tesi: “L’Immuno-scintigrafia nella diagnosi tumorale”, vince una borsa di studio e frequenta il servizio di medicina nucleare dell’Istituto Scientifico dell’Ospedale San Raffaele di Milano, collaborando alla ricerca e alla preparazione in laboratorio di liposomi Stealth radioattivi per la diagnosi e la terapia oncologica, conseguendo in seguito la specializzazione in Medicina nucleare presso la Cattedra di Medicina nucleare del Prof. Gian Luigi Tarolo con la tesi “La scintigrafia con radiofarmaci ad emissione di positroni e ad emissione di fotoni singoli: loro rapporto dosimetrico con la radiologia trasmissiva a raggi X in alcune indagini diagnostiche”.

La sua attività presso il San Raffaele intervallata da funzioni di ricerca presso il Dipartimento di Medicina nucleare dell’Istituto Europeo di Oncologia gli fornisce una particolare specializzazione inerente la Radio- Immuno-Terapia (R.I.T.) con anticorpi monoclonali nell’ambito di una nuova tecnica di pre-targeting adottata in collaborazione con altri istituti europei e americani fra cui la University of California, tanto da raggiungere risultati altamente positivi.

Nel maggio 2000 Giuseppe Nacci pubblica, con il sostegno editoriale della Fondazione Callerio Onlus - Istituto di Ricerche Biologiche di Trieste, il risultato di una sua sorprendente scoperta. Si tratta del libro, fuori commercio, “La Terapia dei tumori con Gadolinio 159 in Risonanza Magnetica Nucleare” (edizioni Italo Svevo Trieste), fissando, con apposito brevetto, l’impiego dell’importante radio-isotopo.

Nell’agosto del 2002 la rivista scientifica “Minerva Medica” (vol. 93, n. 4, pp. 227-276) ospita un suo “review” sugli “Effetti biologici di un’esplosione nucleare”, che introduce un nuovo sistema in scala colorimetrica, di valutazione semplice e immediata, dei danni provocati dal fall-out sulla popolazione civile, fornendo indicazioni sulle linee di condotta raccomandate per un progetto di protezione civile a lungo termine.

Nell’ottobre 2006, ha pubblicato il libro “Diventa medico di te stesso” che, nel gennaio 2007, è stato premiato come “Il miglior libro a tema scientifico dell’anno 2006”, conferito “Motu Proprio” e all’unanimità (http://www. mednat.org/The-best-book_Nacci.gif) dal Comitato dei Consiglieri ( http://www.mednat.org/Miglior-libro_ Nacci.gif ) della Verein zur Förderung der Forschung Mare Nostrum - Research Institut (Associazione per la Promozione della Ricerca Mare Nostrum) di Wildon (Graz) Austria, che il 20 novembre 2007 presenta presso il Policlinico Militare Celio di Roma, alla presenza delle massime autorità della Sanità militare italiana. (http://www.medicinetradizionali.it/intervista%20nacci.pdf)

Il 30 ottobre 2007 è stato insignito del SIGILLO TRECENTESCO da parte della Città di Trieste, in riconoscimento del suo appassionato impegno nello studio e nella ricerca scientifica (http://trieste.rvnet. eu/2007/10/31/il-medico-giuseppe-nacci-riceve-ilsigillo- della-citta/#comments).

Diventa medico di te stesso Giuseppe Nacci Diventa medico di te stesso Giuseppe Nacci Come rafforzare il proprio sitema immunitario, quali cibi mangiare e quali invece evitare, imparare a leggere le etichette apposte sugli alimenti, porre la propria attenzione sulla provenienza dei cibi, imparare a difendersi dalle malattie. sono questi alcuni dei temi trattati dall’autore in questo suo lavoro.

Un volume dedicato a quanti vogliano aapprofondire l’argomento salute, ponendosi l’Autore l’obbiettivo di fornire una guida alla conoscenza di quelli che sono gli elementi necessari all’organismo perché possa mantenersi in perfetta efficienza, ma una volume utile anche ai medici di base ed agli operatori sanitari, che debbono confrontarsi ogni giorno con i loro pazienti e con le loro rispettive patologie.

Le conclusioni, cui l’Autore perviene, sono il frutto di anni di ricerca e di studio basato non solo su migliaia di studi scientifici – condotti, a livello mondiale e sin dall’inizio del XX secolo, da ricercatori di fama internazionale –, ma anche sui risultati di attente ricerche svolte in campo farmaceutico ed erboristico: l’Autore, puntuale nell’osservare finanche i rimedi utilizzati nelle tradizioni popolari di diverse culture – orientali ed occidentali –, si è prefissato lo scopo di cogliere quegli elementi d’unione tra scienza medica e medicina popolare che possano rappresentare una base dalla quale muovere al fine di ottenere un rimedio efficace anche contro il cancro. Conferito motu proprio all’unanimità dal Consiglio Direttivo e dal Comitato Scientifico dell’Istituto per la Promozione della Ricerca Verein zur Förderung der Forschung, Wildon - Graz - Austria. Conferito SIGILLO TRECENTESCO da parte della Città di Trieste, in riconoscimento dell’appassionato impegno nello studio e nella ricerca scientifica dell’autore, dimostrato grazie a questo libro. supermercato.