© I contenuti di questa pagina (escluse le immagini di pubblico dominio o concesse da terzi) sono di proprietà esclusiva dell'autore Alberto Tucci. Ne è vietata la copia, la riproduzione e l'utilizzo anche parziale in ogni forma.


rev. 16-07-2014

ARISTOLOCHIA
Aristolochia Clematitis L.



CLASSIFICAZIONE

Dominio: Eukaryota (Con cellule dotate di nucleo)
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (Piante vascolari)
Superdivisione: Spermatophyta (Piante con semi)
Divisione: Angiospermae o Magnoliophyta (Piante con fiori)
Classe: Magnoliopsida (Dicotiledoni)
Sottoclasse: Magnoliidae
Ordine: Aristolochiales
Famiglia: Aristolochiaceae

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI
Clematite, Stalloggi, Stralloggi, Aristolochy, Aristoloche

DESCRIZIONE BOTANICA
PIANTA PERENNE, ALTA FINO A 60 CM; FUSTO ERETTO, FLESSUOSO, SEMPLICE O RAMIFICATO ALLA BASE, ERBACEO; FOGLIE A DISPOSIZIONE ALTERNA, CON LAMINA OVATA-ARROTONDATA CUORIFORMI ALLA BASE, PROFONDAMENTE CORDATA, CON APICE OTTUSO; FIORI PICCOLI MUNITI DI UN CORTO PEDUNCOLO, RIUNITI IN FASCETTI DI 2-6 ALL'ASCELLE DELLE FOGLIE, CON PERIGONIO GIALLASTRO, VENTRICOSO ALLA BASE, POI TUBOLOSO, CON L'ASPETTO DI UN LUNGO IMBUTINO RIGONFIO ALLA BASE, RISTRETTO IN ALTO E TERMINANTE CON UN LEMBO ESPANSO; COROLLA MANCANTE; FRUTTO GLOBOSO DEL TIPO CASPULA. AL MOMENTO DELLA FIORITURA, EMETTE UNO SGRADEVOLE ODORE DI CARNE PUTREFATTA CHE SERVE A RICHIAMARE GLI INSETTI PRONUBI PER L'IMPOLLINAZIONE.

FIORITURA
Aprile e Maggio

COLORI NEI FIORI (perlopiù petali e corolla)
________ GIALLO-DORATO


DROGA UTILIZZATA
RIZOMA

ERBA ALTERNATIVA
ARTEMISIA

PRINCIPI ATTIVI
Acido aristolochico, olio essenziale, alcaloide magnoflorina, allantoina, pigmenti

TOSSICITÀ
ALTA

CONTROINDICAZIONI
ERBA TOSSICA! VIETATO LUSO COMUNE. USARE SOLAMENTE SOTTO CONTROLLO MEDICO. UN ERBA PERICOLOSA, IRRITANTE LINTESTINO. HA ATTIVIT CARCINOGENICA E GENOTOSSICA.

AVVERTENZE
FUNZIONI TERAPEUTICHE INDICATE SOLO PER INFORMAZIONE STORICO-CULTURALE MA NON APPLICABILI NELLA PRATICA FITOTERAPICA. QUESTA PIANTA RIENTRA NELLA LISTA DEL MINISTERO DELLA SALUTE PER L'IMPIEGO NON AMMESSO NEL SETTORE DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI.

QUALITÀ DELL'EFFICACIA TERAPEUTICA
NON UTILIZZABILE

ORGANI INTERESSATI DALL'AZIONE FITOTERAPICA
APPARATO URO-GENITALE
DITA MANI E PIEDI
GONADI (TESTICOLI E OVAIE)
INTESTINO
INTESTINO CRASSO
ORGANI E-O TESSUTI DI VARI DISTRETTI CORPOREI
ORGANI EMUNTORI
ORGANI SESSUALI E RIPRODUTTIVI
PENE
RENI
SISTEMA ENDOCRINO
SISTEMA IMMUNITARIO
TESSUTO CUTANEO
TESTICOLI
UTERO
UTERO E OVAIE
VAGINA
VESCICA URINARIA
VIE URINARIE

PROPRIETÀ E INDICAZIONI:
NooAMENORREA E IPOMENORREA
NooANTISETTICO (USO ESTERNO)
NooDISMENORREA E OLIGOMENORREA
NooDIURETICO
NooEMMENAGOGO
NooEMORRAGIE (VIE URINARIE)
NooGOTTA
NooIMMUNOSTIMOLANTE IMMUNOMODULANTE
NooINFIAMMAZIONI (APPARATO URO-GENITALE)
NooLASSATIVO O PURGANTE
NooLASSATIVO PURGANTE ANTRACHINONICO (INTESTINO CRASSO)
NooLASSATIVO PURGANTE DRASTICO
NooMENOPAUSA E CLIMATERIO (TURBE E DISTURBI VARI)
NooOSSITOCICO O OXITOCICO
NooPARONICHIA MANI E PIEDI
NooSPASMI E DOLORI SPASMODICI DI VARIA NATURA
NooSPASMOLITICO UTERINO
NooTONICO UTERINO
---NON UTILIZZABILE IN AUTOTERAPIA


ESTRATTI:
  • Aristolochia Estratto Fluido
    1 g=XL gtt Sconsigliato e/o Vietato 0.1-0.5 g al giorno
  • Aristolochia Tisana
    Infuso: 15 g per lt di acqua3-4 tazze al giornoDecotto uso esterno: bollire per 20 min qualche foglia e radice in 200 g di acqua. Applicare il liquido caldo [37] con compresse sulle parti interessate per 15 min. Sconsigliato e/o Vietato
  • Aristolochia Tintura Madre
    Preparata dalla parte aerea della pianta fresca tit.alcol.45 Sconsigliato e/o Vietato XV gtt 3 volte al giorno

  • NOTE DI FITOTERAPIA
    Solamente alcune funzioni terapeutiche sono applicabili in fitoterapia. Usare solo per uso topico: impacchi del decotto di foglie e del caule.
    Da venti anni stata abbandonata dalluso in fitoterapia.


    Pianta segnalata su

    MEDICINA TRADIZIONALE MEDITERRANEA

    ELEMENTI
    FUOCO

    QUALITÀ
    CALDA grado 3
    SECCA grado 2

    AZIONI
    CICATRIZZANTE O VULNERARIO
    EMMENAGOGO
    FISTOLE
    GOTTA
    ULCERA (PEPTICA - GASTRICA - DUODENALE)
    ULCERE DELLA PELLE
    ATONIA UTERINA
    DRENA LA LINFA
    ESPELLE LA BILE GIALLA
    ESPELLE LA FLEMMA

    ORGANOTROPISMO
    FEGATO
    MILZA
    TESSUTO CUTANEO
    UTERO
    VIE RESPIRATORIE

    NOTE
    Assunta con Vino, Mirra e Pepe (secondo le ricette di origine romana) emmenagoga, oxitocita e favorisce l'espulsione della placenta. Da sola, assunta con Vino, giova agli spasmi, nelle ulcerazioni interne, nell'asma, nel singhiozzo, nella sensazione di freddo che precede le febbri, nei dolori intercostali, nelle disfunzioni epatiche, polmonari e della milza. Favorisce l'espulsione di tutti gli Umori corrotti dalla Flemma perversa. Applicata come epiastro favorisce l'estrazione di spine, frecce e schegge di ossa. Arresta le ulcerazioni corrosive e le cicatrizza applicata con Miele e radice di Iris. Pulisce e rende bianchissimi i denti. Controindicazioni: pianta dotata di una cert tossicit, soprattutto a carico del Fegato; si consiglia di impiegarla in dosaggi ridotti, in associazione con altre piante e per cicli di trattamento non troppo lunghi (20 giorni), alternati a periodi di sospensione o sostituzione con altre droghe, ad azione analoga, ma meno tossiche.


    ANNOTAZIONI
    Dal greco aristos=ottimo e lokein=lochi in quanto ottima per promuovere i lochi (liquidi che fuoriescono dalla vagina dopo il parto). Agisce analogamente alle droghe antrachinoniche.


    BIBLIOGRAFIA E ARTICOLI SCIENTIFICI SUL WEB

       

    ISCRIVITI ALL'ASSOCIAZIONE SERVIZIOBENESSERE NO-PROFIT










    Foto e Immagini
    di ARISTOLOCHIA su