© I contenuti di questa pagina (escluse le immagini di pubblico dominio o concesse da terzi) sono di proprietà esclusiva dell'autore Alberto Tucci. Ne è vietata la copia, la riproduzione e l'utilizzo anche parziale in ogni forma.


rev. 01-02-2016

MANDORLO
Prunus dulcis (Miller) D.A.Webb,



CLASSIFICAZIONE

Dominio: Eukaryota (Con cellule dotate di nucleo)
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta (Piante vascolari)
Superdivisione: Spermatophyta (Piante con semi)
Divisione: Angiospermae o Magnoliophyta (Piante con fiori)
Classe: Magnoliopsida (Dicotiledoni)
Sottoclasse: Rosidae
Ordine: Rosales
Famiglia: Rosaceae
Sottofamiglia: Amygdaloideae
Varietà: Dulcis, Amara, Fragilis
Tribù: Pruneae

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI
Mendulra, Mannula, Amndoa, Mannola, Mannul, Mennl, Amnue, Mannula, Mengula, Mndula, Mndula, Mennura, Mennula, Mndola, Amandel, Bajame, Bajamja, Noosh, Nush, Almendra, Amanda, Migdaly, Badem, Ametler, Hahng yahn, Bian tao, Xing ren, Badem, Mendula, Mandle, Mandlo obecn, Harilik mandlipuu, Badam, Manteli, Mangel, Cno ghreugach, Nushi, Amigdalia, Amygdalia, Shaked, Shaqed, Amond

...altri nomi su Gernot Katzer's Spice pages

SINONIMI DEL NOME BOTANICO
Prunus communis Arc. (var. dulcis - var. amara), Amygdalus communis L., Amygdalus dulcis Mill., Prunus Amygdalus Stok., Prunus amygdalus Batsch, Prunus dulcis Miller

DESCRIZIONE BOTANICA
ALBERO ALTO FINO A 7 METRI CON RADICI A FITTONE E FUSTO DI COLORE GRIGIO E GRIGIO SCURO. FOGLIE LANCEOLATE E PICCIOLATE LUNGHE FINO A 12 CM. I FIORI BIANCHI O LEGGERMENTE ROSATI FINO A 5 CM SBOCCIANO ALL'INIZIO DELLA PRIMAVERA, E CON CLIMA MITE, ANCHE TRA GENNAIO E FEBBRAIO

FIORITURA
Febbraio e Marzo

COLORI NEI FIORI (perlopiù petali e corolla)
________ BIANCO
________ BIANCO-ROSATO


DROGA UTILIZZATA
SEMI

SAPORE
GRADEVOLE

PRINCIPI ATTIVI
Olio, glucoside amigdalina (solo nelle m. Amare) (*) + enzima emulsina, ossalato di calcio, zinco, rame, aminoacidi, vitamine.

TOSSICITÀ
RELATIVA A QUANTO SPECIFICATO

CONTROINDICAZIONI
ATTENZIONE! LE MANDORLE AMARE MANGIATE IN UN CERTO NUMERO SONO VELENOSE PER IL CONTENUTO DI ACIDO CIANIDRICO [ACIDO PRUSSICO] LIBERATO QUANDO LA MANDORLA VIENE SCHIACCIATA E BAGNATA.

AVVERTENZE
LE INDICAZIONI - LE PROPRIET TERAPEUTICHE DESCRITTE E LUTILIZZO IN FITOTERAPIA FANNO RIFERIMENTO ALLA SOLA VARIET 'DULCIS'.
IL SEME DEL PRUNUS AMIGDALUS BATSCH VAR. AMARA RIENTRA NELLA LISTA DEL MINISTERO DELLA SALUTE PER L'IMPIEGO NON AMMESSO NEL SETTORE DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI.

QUALITÀ DELL'EFFICACIA TERAPEUTICA
DIPENDENTE DALLE SPECIFICHE E DALLE FORME TERAPEUTICHE

ORGANI INTERESSATI DALL'AZIONE FITOTERAPICA
ESOFAGO
INTESTINO
MUCOSE
ORGANI DIGESTIVI
STOMACO
TESSUTO CUTANEO
TUTTO IL CORPO

PROPRIETÀ E INDICAZIONI:
ooKALIMENTO
+++LASSATIVO PURGANTE LUBRIFICANTE (VA USATO LOLIO)
+++STITICHEZZA O STIPSI
++ACIDIT (IPERCLORIDRIA O IPERSECREZIONE GASTRICA ANCHE CON REFLUSSO)
++DERMATOSI
++DERMOPURIFICANTE DERMOPROTETTIVO (USO ESTERNO)
++EMOLLIENTE

Specifiche

Sono disponibili articoli scientifici raccolti dal Dott. Nacci sulle proprietà antitumorali di questa pianta

NOTE DI FITOTERAPIA
Le funzioni terapeutiche sono riportate a titolo indicativo e valide solamente per alcune forme estrattive nelluso in fitoterapia.

La mandorla dolce (Prunus dulcis var. dulcis) non contiene amigdalina ed innocua ed inodora. Nel seme della variet amara (Prunus dulcis var. amara) lamigdalina e lemulsina si combinano quando si schiaccia, si bagna o si mastica la mandorla amara e liberano acido cianidrico (acido prussico) che tossico in quantit apprezzabili. Lavvelenamento mortale per uomo adulto avviene dopo assunzione di 7~5 ml di olio di mandorle amare contenente il 2~4% di HCN.
La legge italiana prevede una quantit massima di acido cianidrico pari a 1mg/kg in alimenti e bevande e di 50 mg/kg nel torrone e altri prodotti contenenti mandorle amare.
Il famoso olio di mandorle dolci estratto da entrambi i tipi di mandorle e non deve contenere benzaldeide o acido cianidrico. Lolio volatile, invece, estratto esclusivamente dalle mandorle amare dopo macerazione e distillazione in corrente di vapore. Vengono utilizzati in liquoreria e da aziende farmaceutiche anche i semi di altre specie di Prunus che contengono amigdalina come albicocca pesca e prugna.



  PIANTA MELLIFERA

CARATTERISTICHE DEL MIELE
Miele monoflora di colore molto chiaro, odore e aroma di intensit debole o media, fini e con richiamo al profumo dei fiori o allaroma della mandorla.
[Autore: Dott.ssa Maria Lucia Piana]
Tratto da: api.entecra.it - Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura

Produzione molto abbondante di polline di colore verdastro o giallo-marrone.

FITOALIMURGIA (uso in cucina)
Amolou Beldi con olio di Argan

Olio di Argan alimentare 500g
Mandorle 250g
Miele 100g

Tostare e frullare le mandorle fino ad ottenerne una pasta, amalgamare con il miele ed incorporare l''olio di argan lentamente.
Va servita con del pane in segno di benvenuto.

n.b. sembra che l''Amolou Beldi abbia anche effetti afrodisiaci.

UTILE DA SAPERE
DROGHE LASSATIVE E PURGANTI
Trascurando le alterazioni dell'intestino che ostacolano meccanicamente la progressione del bolo fecale (tumori, processi cicatriziali, ecc.), vi possono essere stitichezze primitive dovute a una alterata motilit intestinale di natura nervosa o muscolare; in questo caso pu aversi una stitichezza atonica quando la muscolatura ha diminuito il tono e la forza delle contrazioni, mentre si ha una stitichezza spastica quando l'ipertono della muscolatura determina contrazioni spastiche della stessa.
Altra forma di stipsi causata dalla scarsa produzione di idrogeno solforato che un eccitante fisiologico della peristalsi.
Il trattamento terapeutico dovr essere coadiuvato da vita attiva e movimentata e da dieta povera di carne ma ricca di frutta, verdure e fibre.
In base al meccanismo d'azione delle droghe lassative si avranno:
a) Droghe antrachinoniche che favoriscono lo svuotamento dell'intestino stimolando prevalentemente la muscolatura dell'intestino crasso.
I componenti principali di queste droghe contenute in Senna, Frangula, Aloe, Cascara sagrada, Rabarbaro, Poligono giapponese e Spincervino sono glicosidi derivati dall'antracene. La loro metabolizzazione in agliconi (pi attivi) avviene nel colon: qui si ha una rimozione dello zucchero ed i prodotti ottenuti stimolano ulteriormente la motilit aumentando anche il peristaltismo e la produzione di muco. L'azione lassativa che inizia a livello dell'intestino crasso con inibizione del riassorbimento dell'acqua e degli elettroliti, si manifesta dopo 8-12 ore. Gli effetti collaterali sono: colorazione delle urine, passaggio nel latte materno, pseudomelanosi reversibile del colon, perdita di elettroliti per l'uso prolungato o diarrea severa con coliche per sovradosaggio.
L'uso cronico di antranoidi pu essere responsabile di pigmentazione della mucosa del colon (melanosis coli), alterazione del quadro elettrolitico e dell'equilibrio acido-base, colon dilatato con pseudo-restringimenti per alterazione del plesso nervoso intramurale, aggravamento della stitichezza, colon irritabile, rischio di degenerazione neoplastica e interazioni con altri farmaci.
b) Droghe che favoriscono lo svuotamento dell'intestino stimolando prevalentemente la muscolatura dell'intestino tenue e parte del crasso (Olio di Ricino).
c) Purganti meccanici che favoriscono lo svuotamento dell'intestino aumentando il volume fecale (Agar-agar, Psillio, Lino semi, Carragenina);
d) Purganti osmotici (zuccherini) che richiamano nell'intestino acqua dal sangue (Manna, Lattosio, Prugne, Tamarindo, Cassia fistula in canna, Pesco).
e) Purganti oleosi che favoriscono la progressione delle feci essendo lubrificanti dell'intestino (Olio di oliva, Olio di lino, Olio di mandorle dolci).

Tratto da: Marzio Pedretti "L'erborista moderno";
Enrica Campanini "Dizionario di fitoterapia e piante medicinali";
Fabio Firenzuoli "Le 100 erbe della salute".

ANNOTAZIONI
Di origine cinese questa pianta fu introdotta dai Fenici dalla Grecia in Sicilia.
Fin dall'antichit, il mandorlo stato un simbolo di promessa per la sua precoce fioritura, che simboleggia l'improvvisa e rapida redenzione di Dio per il Suo popolo dopo un periodo in cui sembrava lo avesse abbandonato; si veda ad esempio Geremia 1:11-12. Nella Bibbia il mandorlo citato dieci volte, a cominciare con Genesi 43:11, dove viene descritto come "tra i migliori frutti".(Wikipedia)


BIBLIOGRAFIA E ARTICOLI SCIENTIFICI SUL WEB

   

ISCRIVITI ALL'ASSOCIAZIONE SERVIZIOBENESSERE NO-PROFIT

Amygdalus communis L.

Amygdalus communis var. amara

Prunus dulcis

Amygdalus communis infior.

Amygdalus communis fiori

Photo by
www.danish-schnapps-recipes.com


Amygdalus mongolica

Pasta di mandorle lavorata


Foto e Immagini
di MANDORLO su